Google Analytics not for tracking&analytics, but for unload your server

google-analytics

Google Analytics is not only an amazing Tracking & Analytics platform. It could be used also as powerful database that allows you to store and retrieve amazing data, that since yesterday would be too expensive to manage. Let’s see how, looking at my direct experience.

Intro:
As CTO I’m the responsible of the whole tech infrastructure of Punctis. Punctis is a loyalty platform through which websites are able to reward (with virtual points) visitors who like their pages, clicking the well-knows “Like” button. So, websites which wants to integrate Punctis on their pages, has to substitute the standard Facebook Like button with our button (which is exactly the same in terms of visual, exactly like AddThis, ShareThis, Gigya, do).

In practice, Punctis is placed (in hidden way) between the user who wants to like a content, and Facebook. This is a huge opportunity for Punctis: being able to track in real time what users like around the web (on pages which use the Punctis Like button). Today we have partnership with some of the biggest Italian publisher, and our buttons are clicked hundreds and hundreds time a-month! This means a huge amount of valuable data, and I do not want to let them go away!

Need:
I want to be able to store these informations: which pages have been liked? When? How many time? Who liked each url (browser, os, etc)? And then I want to be able to explore this data, subsetting it. Example: which is the partner who is generating more like on a monthly basis? What is the browser mainly used by the user who share content about Sport? What is the percentage of like made by mobile device instead of by desktop? What is the trend about “like” on mobile device? And so on. Collecting this data adds value to Punctis (AddThis and ShareThis became a big data company exactly for this reason: they track a huge amount of like and sell these informations to brand and research institutes).

Problem:
Each “like” is a new row in the table database, containing URL, data, browser, os, etc. This is stressful for the server, and doing queries on this table will soon become impossible due to the too large amount of data. I would have need to invest in more complex database, hire an expert of this kind of databases, etc etc. Possible, but not the best idea for a startup, not at this stage.

Solution:
We placed an invisible Google Analytics tracking code inside the Punctis like button: each time the button is clicked a javascript script triggers an Event on Google Analytics, saving the liked URL, the id of the partner, and other informations.

Wassup? Using the Google Analytics user interface I’m now able to know what I needed, and even more!

This for example is the list of most liked URL between 20 October and 19 November, for one of our partner:

liked-url

 

And I can use all the data that Google Analytics collects, like browser, operating system, etc to go deeper into this data. For example here I want to see which are the most used operating system by people who liked a specific web content (a blog post), in a definite date range:

Schermata 2013-11-20 alle 00.32.06

 

Wanna know where the people who like a specific page come from? Simple:

Schermata 2013-11-20 alle 00.34.38

 

And so on!

This huge amount of data is now reachable through a great user interface (thanks Google!), without any resource spending by Punctis because the servers who stores all these data are Google’s servers (thanks Google!).

More:
One of the value propositions of Punctis is to give to partners insights about the audience who like its contents. So I have to find the way to show all these data under the punctis.com domain, in a custom dashboard (I cannot give access to my Google Analytics Account to each Partner, it would be not good). What to do? Simple, we implemented Google Analytics API to retrieve the data and the collections of data we need, and show them to the partner when he request them through its dashboard, and this is the result (without any query on our database):

dashboard-stats

 

 

So, let’s start thinking to Google Analytics not only as a Tracking&Analytics tool: it would help you to save resources and have better results!

80% of US restaurants use social media for marketing

cuoco-computer520

The most used marketing channel by US restaurants is social media. This means that in the next 2-3 years also in Italy we will see percentage like this. Good to know.

eMarketer research discloses that among US restaurants in March 2013, 80% used social media—17 percentage points higher than email, which was the next most popular choice:

marketing restaurant ristoranti

 

And why they are using social media marketing? In addition to marketing and engagement, increasingly, social media is being used as a tool to listen to customers, monitor sentiment and create favorable brand impressions:

Furthermore, 68% of restaurants said they monitored restaurant review sites, because they are extremely powerful in drive traffic to their restaurant.

The restaurant niche is a huge niche for a startup and a business concept. Right now Yelp and TripAdvisor are the king of the niche, but this situation is frozen for too many years: something new may happen, just start thinking

The evolution of loyalty: from Loyalty 1.0 to Loyalty 3.0

Using tags 1.0-2.0-3.0 and so on may sounds ridiculous, but it is still a good way to show the evolution of something. During my speech at SMAU 2013 I used these tags to talk about the evolution of Loyalty in the last decades

Loyalty 1.0 was the first kind of loyalty: you are paying for something (a flight ticket), and this action gives you points that will give you an advantage at your next purchase. It was a loyalty which happens fully at the cash register.

Loyalty 2.0 arrived in ’90, when the one-to-one communication channels arise: SMS before and mail later. The company could talk directly to its customer and started doing this: the loyalty dynamic happened not only at the cash register, the contact between the user and the loyalty program became continuous. But companies abused this opportunity, and started sending hundreds of “ping” to the user, who quickly started loosing attention around this communication channel.

Loyalty 3.0 is the new concept of loyalty, which starts from some basics:

- today the consumer is a multi-channel one: he reach the brand not only at the cash register, not only on the television, not only on Facebook, not only on Twitter, etc. For this reason the loyalty program has to follow him alongside its journey across multiple channels

- today “loyalty” is not only based on purchased: a new kind of “loyal actions” that the user could do arises. This requires more complex loyalty programs, which are able to reward not only purchases but also other kind of valuable actions (WOM, like, tweet, follow, read a content, see a video, participate to a community, etc).

- data: we now are able to collect huge amount of data about our users than before. And thanks to loyalty 3.0 we can collect more and more deep data about the attitudes and the behaviors of the user. This dataset is extremely valuable and loyalty 3.0 should not ignore it.

Suggested reading: Loyalty 3.0 by Rajat Paharia

RCS and Digital Magics launch Nest: incubator for startups operating in the digital publishing market

Schermata 2013-10-09 alle 01.15.03

Yesterday RCS Mediagroup – top Italian publisher – and Digital Magics – Italian startup incubator – announces a partnership which aims to create a new incubator focused on supporting Italian startups operating in the digital publishing field. The incubator is called Nest.

Entrepreneurs which have an entrepreneurial idea related to the digital publishing area could find support by Nest. Nest – as all the others Italian incubators – promises mentoring support, offices, services, etc to startups, but the huge value proposition here is based on RCS: incubated startups would be able to achieve visibility on all the RCS’s media channels, and this certainly will help startup to reach as much public as possible. Without marketing and advertising costs.

So, this is the advantage for a startup to be involved in the Nest incubation program. But what about the other two players?

Pietro Scott Jovane – CEO of RCS Mediagroup  - hits the point with great openness: “Having a lot of excellent young minds in RCS’s offices will help the whole RCS Group to remain up to date with the trends, will stimulate innovation and thinking about the future“. So, with this project RCS wants to bring innovation to its company from the outside. This is definitely a good point.

What about Digital Magics. Digital Magics is an incubator, one of the top Italian incubator. It recently had an IPO and now it is a public company: to announce a partnership with such a big company like RCS Mediagroup  would help stocks in being sold.

Italian incubators often are born as a creative way to collect money taking advantage of the startup trend, and this is why I’m strongly suspicious about these kind of companies. For what I could have seen, this is not the case of Nest: the reason why RCS is doing this is clear and good; the reason why Digital Magics is doing this is clear too and it is good. So, I see no monkey business behind Nest.

The only risk? That the effort spent by RCS Mediagroup on this project – which I consider the real value proposition offered by Nest against the other incubators – will quickly decrease day-by-day. Pietro Scott Jovane reassured us: “RCS Mediagroup strongly believe in this project, because it is a way to innovate itself“.

OpenWifi Milano: connessione wifi gratis a Milano

In occasione del lancio di OpenWifi Milano, il Comune di Milano e Microsoft hanno dato vita ad un’iniziativa per coinvolgere alcuni influencer del Web Italiano: tra questi c’ero io, e questa è la mia esperienza

Da anni (da quello del mio 18mo compleanno) ero abituato a fare avanti indietro Chiavari-Milano anche due volte alla settimana (perché i Clienti stavano nel milanese), ma fin lì si era sempre trattato di toccate e fughe, niente che mi permettesse davvero di vivere la città. E’ poi venuto il giorno nel quale ho deciso di trasferirmi dalla solare e tranquilla Chiavari a Milano, per motivi di lavoro. Da quel momento sono stato obbligato ad immergermi nella città, e così la ho scoperta: ho trovato una città soggetta ad un’ordinata crescita continua, multietnica, dove è rarissimo imbattersi nei classici e temuti “bauscia” mentre è semplicissimo incontrare persone da tutta Italia o da altre zone d’Europa. La situazione in Italia è dura, durissima, ma qui la gente tiene duro: magari ci sono meno soldi, magari si fa più fatica, ma c’è chi ci prova. La disillusione non è ancora arrivata. Tutto questo in un contesto urbano che continua a svilupparsi, con interi quartieri che vengono costruiti in pieno contro, progetti di nuove aree e line di metropolitana. Qui i finanziamenti dell’Expo15 giocano sicuramente la loro parte, e contribuiscono a foraggiare il clima di “No Surrender”, per dirla alla Springsteen.

In questo contesto si colloca l’ultima iniziativa del Comune di Milano per affermare Milano come una città moderna: il progetto OpenWifi Milano, con il quale il Comune offre ai cittadini connessione internet gratuita per le strade tramite collegamento Wifi. Le aree coperte dal servizio sono oltre 250 (qui la mappa di OpenWifi Milano), ed iniziare a navigare è molto semplice: ci si connette alla rete “openwifimilano”, si apre il browser e si inserisce il proprio numero di cellulare. In pochi istanti arriva l’SMS con il PIN, da inserire nel browser per accedere alla navigazione. Ed il gioco è fatto. Nulla a che vedere con le chilometriche pratiche alle quali la burocrazia italiana ci aveva abituato fino a pochi mesi fa. Ovviamente seppure free ci sono dei limiti, decisamente generosi: non possiamo consumare più di 300MB di traffico internet al giorno, ed è una soglia che – se eviti di scaricare ed usare software di P2P – non raggiungerai.

Nonostante non possa dire che per me si tratti di una rivoluzione, in quanto vivo con piani dati 3G faraonici, vedo il progetto come un’innovazione abilitatrice. Sono sempre più stretti i legami tra il mondo reale e quello web (e viceversa), ed OpenWifi Milano può essere l’abilitatore di tanti nuovi progetti, startup, iniziative che sfruttano il link web-mondo reale. Immaginiamo tutti i servizi al cittadino che da oggi potranno venire erogati direttamente su smartphone senza che il cittadino sia obbligato a spendere per un abbonamento dati. Pensiamo alla possibilità di mettere in comunicazione due devices differenti.

Come anticipavo in apertura, per il lancio del progetto il Comune di Milano e Microsoft Italia hanno dato vita ad un’iniziativa per dare visibilità al progetto, coinvolgendo alcuni dei cosiddetti infuencer del Web Italiano. L’iniziativa si è chiamata ExploraMi: ci hanno dotato di un tablet Windows 8 (a me è toccato il Surface RT), così che potessimo testare l’OpenWifi per le strade di Milano. Associato all’iniziativa è stato creato un hashtag Twitter (#ExploraMi) che potete andare a sbirciare per leggere cosa si è detto durante l’iniziativa. Ecco il video dell’iniziativa:

I Big Data ammazzeranno la creatività?

Da quando ho iniziato a raccontare dei big data e della data analysis, sono molti quelli che mi pongono domande e/o riflessioni interessanti a riguardo. Una di queste è: “Tramite i big data e la data analysis tutto risulta misurabile, e tu consigli di prendere decisioni strategiche/di marketing sulla base di tali dati. Quindi prevedi che il prendere decisioni ed il pianificare campagne di marketing diventerà presto un lavoro matematico, dove non ha più importanza la creatività, capitanato da freddi statisti?“. Risposta: no. No.

I Big Data ci offrono un’opportunità, straordinaria. Disponiamo di un’immensa mole di dati, che non riusciamo nemmeno ad immaginare, e se volessimo fare un elenco di tutti i tipi di dati ai quali oggi possiamo accedere non riusciremmo ad elencarne che lo 0.1%. Questo è un patrimonio. C’è gente che ha saputo sfruttare grandi patrimoni monetari per dar vita ad iniziative/realtà estremamente “creative”, belle, buone. E. c’è chi con un ingente patrimonio monetario ha saputo solo fare del danno. C’è chi con il denaro fonda nuove aziende e nuovi rivoluzionari progetti, chi li fa fruttare grazie agli interessi, chi li tiene lì e li consuma poco alla volta. I big data, al pari del denaro, sono un patrimonio. Tale patrimonio può essere usato, e lo si può fare nelle più disparate maniere.

Capiamolo con un esempio (si tratta di un caso reale del quale non mi sono occupato io, e che ho trovato molto interessante): supponiamo che il nostro Cliente ci chieda aiuto per capire in quali zone di Roma acquistare spazio pubblicitario sui cartelloni pubblicitari cittadini. Un “freddo scienziato matematico” potrebbe accedere ad un dataset contenente le informazioni sulle zone di Roma più visitate durante il giorno, e proporre l’acquisto di spazio pubblicitari in queste zone. Perfetto. Ora arriva un altro data scientist, il quale vuole andare oltre, osare di più:

  1. Recupera anche lui le prime 5 zone di Roma più visitate (non ci vuole uno scienziato per scommettere che tra le prime 5 ci sia la zona del Colosseo)
  2. Cerca su Flickr, Picasa, Instagram & co le fotografie scattate nei pressi delle 5 zone sopra selezionate
  3. Per ciascuna fotografia va a vedere, grazie alle coordinate che accompagnano la foto, l’esatto punto nel quale è stata scattata
  4. Per ognuna delle zone crea un’heatmap che mostra in quali punti di ciascuna zona è stato scattato il maggior numero di fotografie.

Bene, il posto giusto dove piazzare l’annuncio pubblicitario potrebbe essere  proprio di fronte ai punti dai quali vengono scattate più fotografie. In questo modo non solo l’adv sar visibile a più persone in quanto posto in una zona trafficata, ma sarà anche più probabile che rimanga immortalato e visibile nei photo-album pubblicati online.

Pensate a questa tattica applicata alla zona Colosseo: possiamo facilmente aspettarci che sia una zona di grande affluenza, ma la zona è una circonferenza: su quale punto della circonferenza piazzare l’adv? A priori, non è facilissimo, con questo stratagemma possiamo avere un aiuto.

Come sempre il bravo professionista, è quello che sa andare oltre gli schemi. E questo vale anche per i data scientist che verranno. Non meri matematici e statistici, bensì persone che profonda consapevolezza della potenza del patrimonio big data, che partendo da una domanda, sanno porsi le sotto-domande che gli permettono di arrivare alla risposta della domanda principale (quella probabilmente posta dal manager). Porsi le domande giuste, e rompere gli schemi, è creatività.

Come le aziende stanno approcciando ai Big Data

IBM ha pubblicato i risultati di uno studio portato avanti con 1.114 manager di aziende di varie dimensioni, di 95 Paesi differenti, di 25 settori differenti. Il soggetto dello studio è “Come le aziende stanno usando i BigData“. Contiene molti dati interessanti, che riporto di seguito.

Di tutte le aziende coinvolte nel survey, il 47% ha dichiarato di avere in programma attività inerenti i BigData, il 28% ha dichiarato di avere già avviato esperimenti a riguardo, mentre il 24% ha ammesso di non avere ancora iniziato ad attivarsi attorno a questo tema.

Ma cos’è che queste aziende definiscono “big data”? Per il 18% delle aziende si tratta di una nuova enorme fonte di informazioni; per il 16% di nuove dinamiche di data analysis; per il 15% di informazioni in tempo reale; per il 7% delle insight che si traggono analizzando le conversazioni sui Social Media.

E cosa si aspettano dallo sfruttare i bigdata? Il 49% delle aziende hanno dichiarato di usare i big data per migliorare il loro rapporto con la customer base: comprendere cosa i clienti vogliono, comprendere i trend per poter presentare al pubblico proprio il prodotto che il pubblico voleva (senza saperlo consciamente), migliorare l’esperienza di customer care. C’è poi un 18% delle aziende che ha intenzione di usare i big data per migliorare i processi interni.

Ma queste aziende su quali fonti di dati stanno lavorando? Prevalentemente sui dati interni dei quali l’azienda già dispone: files di log, mail, transazioni.

Di seguito segnalo alcuni post che ho scritto di recente sull’argomento:

Esempi di casi d’uso dei BigData:

Consigli per la tua azienda:

 

Surface Web vs Deep Web

Google non ci permette di trovare tutto ciò che sta in rete. Quello al quale ci permette di accedere Google è il “Surface Web”; c’è un web parallelo, grade 500 volte tanto, che Google non vede. Si definisce “Deep Web“, ed è composto da tutte quelle pagine che per un motivo o per l’altro non sono più nell’indice di Google. Spesso si tratta di commenti di lettori, di blog-post finiti in archivio, di recensioni.

Sapere tutto ciò è particolarmente interessante nel momento in cui si ha intenzione di sfruttare il web ed i suoi contenuti per “capire”, fare indagini. Ho scritto e ri-scritto più volte che oggi, grazie al web, disponiamo di una mole di informazioni fino a pochi anni fa impensabile, e che tale mole di informazioni – se ben sfruttata – può aiutarci a prevedere il futuro, ed a fare le scelte giuste. Bene, in quest’ottica, limitarsi a cercare informazioni nel “Surface Web” è limitante. E’ fondamentale sapere dell’esistenza del “Deep Web”.

Ora che lo conosci, ti stai chiedendo come fare ad accedervi (siccome Google non può aiutarti)? Stanno nascendo le prime aziende che basano la loro offerta proprio su questo. Una è BrightPlanet.