Avviare Win XP da CD (LiveCD)

In pochi sanno che anche Windows, e non solo i vari Linux, può avere il suo LiveCD. Ma…cos’è un Live CD? Un LiveCD di un sistema operativo è un CD che, inserito durante l’accensione del PC, avvia un determinato sistema operativo, senza bisogno che esso vada installato. Molto comodo dunque per eseguire dei test, per intervenire in caso di problemi al proprio pc, ed in molti altri casi. Insomma, è un sistema operativo contenuto ed avviabile da CD. Oggi dunque vi spiegerò come potrete in semplicità crearvi un CD che dentro conterrà il vostro sistema operativo, avviabile sempre da CD-ROM. Innanzitutto, scaricare il software PeBuilder (download QUI) . Scaricato il software, procedete all’installazione. Terminata l’installazione, avviate PE Builder e vi verrà richiesto dieseguire una ricerca dei files di sistema necessari all’installazione. Date l’OK, d apparirà una schermata simle a questa: Dategli il tempo necessario e al termine, vediamo cosa ci dice il software:

  • Number of valid locations found: 1 : significa che ha trovato i files necessari alla creazione del livecd e dunque basterà clikkare su OK per procedere
  • Number of valid locations found: 0 : significa che non ha trovato i files necessari. A questo punto niente livecd? Ma nooo! Basterà avere una copia di un cd di Windows, inserirlo nel lettore CD e ri-avviare la ricerca….come? Clikkare su OK (torna alla schermata principale) ed a quel punto recarsi su "Origine" ed in seguito su "Cerca". Attendere, e stavolta ci avviserà che ha trovato le installazioni.

A questo punto, tornati alla schermata principale, abbiamo da settare 2 o 3 cose veloci:

  • Origine: se l’è rilevata lui in precedenza, non dobbiamo toccar niente
  • Personalizza: funzione comodissima che ci permette di includere nella nostra futura versione Live una cartella attualmente presente sul nostro pc. Dunque, se abbiamo dei bei software che non hanno bisogno di installazione, o se abbiamo degli installer interessanti potremmo raggrupparli tutti in una cartella in C:Programmi utili ed includerli nella live! Creata la cartella, basterà clikkare sul bottoncino "…" e scegliere la cartella C:Programmi utili
  • Destinazione: qui scegliamo dove andare a salvare la versione LiveCD
  • Media Output: qui possiamo scegliere come vogliamo salvare la nostra LiveCD
    • Nessuno: non comprimerà niente e creerà tanti files, da includere poi in un unico cd
    • Crea immagine ISO: crea un unico grande file .iso che sarà l’immagine del cd Live. In poche parole questo unico file ha dentro di se tutti i files creati selezionando l’opzione "Nessuna".In questo caso dovremo scegliere dove salvare la .iso per poi utilizzarla in seguito
    • Scrivi CD/DVD: permette di masterizzare immediatamente la nostra LiveCD su CD o DVD.

Effettuati questi settaggi, basterà clikkare su CREA e si mostrerà questa schermata: Una volta terminato,clikkare su Chiudi. La nostra LiveCD di Windows XP è ora pronta! Complimenti!

16 Comments Avviare Win XP da CD (LiveCD)

  1. Mario

    Clikkare.
    Posso capire di voler sostituire la k al gruppo fonetico ch, per risparmiare una consonante.Ad esempio: “ke” invece di “che”.
    Per quanto sia bruttissimo, questo ke, perlomeno nei messaggini sms avrebbe una sia pur pallida giustificazione per risparmiare tasti da digitare. Male sarebbe invece usare il ke al posto del che nella scrittura di testo normale.
    Ma peggio ancora sostituire la c dura con la k, quando non si avrebbe nessun tasto da risparmiare, come il clikkare invece che cliccare.
    Cos’è allora, un modo per rendersi “fico”, per far capire che non si è un intellettuale, ma un tipo da “sballo” per ragazzine?
    Allora, se vogliamo dirla tutta, possiamo scrivere kakka e tutto è a posto.

    Reply
  2. Mario

    Clikkare.
    Posso capire di voler sostituire la k al gruppo fonetico ch, per risparmiare una consonante.Ad esempio: “ke” invece di “che”.
    Per quanto sia bruttissimo, questo ke, perlomeno nei messaggini sms avrebbe una sia pur pallida giustificazione per risparmiare tasti da digitare. Male sarebbe invece usare il ke al posto del che nella scrittura di testo normale.
    Ma peggio ancora sostituire la c dura con la k, quando non si avrebbe nessun tasto da risparmiare, come il clikkare invece che cliccare.
    Cos’è allora, un modo per rendersi “fico”, per far capire che non si è un intellettuale, ma un tipo da “sballo” per ragazzine?
    Allora, se vogliamo dirla tutta, possiamo scrivere kakka e tutto è a posto.

    Reply
  3. riccardo

    a me capita di sostituire la “k” con la “c” perchè è un abitudine che deriva appunto dagli sms per risparmiare tempo nella digitazione del testo e per risparmio caratteri, penso che sia sufficente che si capisca il messaggio che l’autore lascia ai lettori senza dare troppo peso a una cosa del genere…un pò da depresso direi…

    Reply
  4. riccardo

    a me capita di sostituire la “k” con la “c” perchè è un abitudine che deriva appunto dagli sms per risparmiare tempo nella digitazione del testo e per risparmio caratteri, penso che sia sufficente che si capisca il messaggio che l’autore lascia ai lettori senza dare troppo peso a una cosa del genere…un pò da depresso direi…

    Reply
  5. ask

    io guarderei il contenuto ….. visto che si tratta di un articolo interessante e sinceramente molto valido. Cosa cambia se si scrive in modo sms ?? e’ sicuramente poco professionale, anzi , bambinesco, ma conta. Chiedete ai vari webmaster di filtrare le parole che non vi comodano e vedete quanto ne vale la pena. su’ su’
    forse e’ molto piu’ da FIKI cerca il pelo nell’uovo….

    Reply
  6. ask

    io guarderei il contenuto ….. visto che si tratta di un articolo interessante e sinceramente molto valido. Cosa cambia se si scrive in modo sms ?? e’ sicuramente poco professionale, anzi , bambinesco, ma conta. Chiedete ai vari webmaster di filtrare le parole che non vi comodano e vedete quanto ne vale la pena. su’ su’
    forse e’ molto piu’ da FIKI cerca il pelo nell’uovo….

    Reply
  7. paolone

    l’articolo di per sé è molto interessante e probabilmente mi tornerà pareccghio utile questa cosa perché ho sputtanato il sistema operativo sul portatile e devo recuparare dei dati prima di ripristinare lo stato originario di fabbrica.
    p.s. io non mi ero nemmeno accorto di questa cosa delle “c” e delle “k”. Mario, sinceramente mi fai vernir voglia di ride!! e questo comunque è un bene per ché è sempre meglio ride che piange.

    Reply
  8. paolone

    l’articolo di per sé è molto interessante e probabilmente mi tornerà pareccghio utile questa cosa perché ho sputtanato il sistema operativo sul portatile e devo recuparare dei dati prima di ripristinare lo stato originario di fabbrica.
    p.s. io non mi ero nemmeno accorto di questa cosa delle “c” e delle “k”. Mario, sinceramente mi fai vernir voglia di ride!! e questo comunque è un bene per ché è sempre meglio ride che piange.

    Reply
  9. Lamberto

    Articolo interessante, ma mi rimane un dubbio:

    In quale forma masterizzare il pacchetto su CD?
    Io li ho copiati tali e quali ed il cd risulta non avviabile.

    Ciao

    Lamberto

    Reply
  10. Lamberto

    Articolo interessante, ma mi rimane un dubbio:

    In quale forma masterizzare il pacchetto su CD?
    Io li ho copiati tali e quali ed il cd risulta non avviabile.

    Ciao

    Lamberto

    Reply
  11. Stefano

    Una precisazione per Mario: cliccare è un neologismo, ovvero una parola non esistente nel nostro vocabolario ma che è diventata di uso comune. Derivando da “to click”, si potrebbe anche italianizzare in clickare, anche se suona male… in ogni caso eviterei di fare il pignolo considerata la presenza della K nel verbo originale e una trascrizione non precisata dal nostro vocabolario.. ;)

    Reply
  12. Stefano

    Una precisazione per Mario: cliccare è un neologismo, ovvero una parola non esistente nel nostro vocabolario ma che è diventata di uso comune. Derivando da “to click”, si potrebbe anche italianizzare in clickare, anche se suona male… in ogni caso eviterei di fare il pignolo considerata la presenza della K nel verbo originale e una trascrizione non precisata dal nostro vocabolario.. ;)

    Reply

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>